domenica 21 marzo 2021


BAZZECOLE E PISTACCHI

 

Le frasi che uccidono 1°
 
La frase che eccelle nel massacrare l’individuo è un TU DEVI imprecisato
che qualcuno ci pone nella testa e che in breve dilaga e pervade tutto ii nostro essere. In più c’è da dire che questa frase possiede una caratteristica micidiale, quella di mascherarsi. Per questo è più difficile difendersi. 
 
Allora alleniamoci intanto a individuare quelle frasi che ci poniamo noi stessi nella nostra testa. Frasi come queste che seguono:
“Come sempre, non ce la farò”. “Troppo facile, per questo mi è riuscito”. “Per forza! Sono stato aiutato”. Sono frasi che rivelano scarsa fiducia in se stessi.
Oppure frasi, come queste altre, che dimostrano all’opposto un’eccessiva autostima. Per esempio: “Se proprio voglio, imparo queste cose in quattro e quattr’otto”. Frase a rischio, perché una fiducia eccessiva in noi stessi ci fa compiere azioni che possono tradursi in insuccessi.
Oppure: “Volere è potere!”. Quest’ultima è insopportabile, e infatti come il TU DEVI sono gli altri a dettarcela e se sono genitori o insegnanti, comunque persone per noi importanti, siamo fottuti perché come il TU DEVI penetra nel cervello più facilmente e ci condiziona per tutta la vita. 
 
Insomma tra frasi che diciamo a noi stessi e frasi che ci iniettano nella testa abbiamo un corredo di pensieri che contribuiscono comunque a indebolire la nostra autostima: temiamo di agire oppure agiamo da incoscienti e ci  procuriamo  insuccessi. Come se non bastassero le vicende che aggrediscono dall’esterno, abbiamo anche il nostro terreno interiore minato, e molte di queste mine ce le siamo poste noi stessi. Sono frasi che uccidono e dobbiamo imparare per prima cosa a riconoscerle, poi a difenderci. 
Credo che questo sulle “frasi che uccidono” sia un discorso da affrontare proprio in circostanze come questa.
Durante la pandemia, se superiamo la disperazione, ci predisponiamo al bilancio con l’intenzione di una valutazione realistica, guidata dalla consapevolezza e dall’accettazione, scevra dei condizionamenti che fanno vedere il peggio ovunque, favorendo una visione del mondo e di noi stessi infantile e distorta.
 
Alla prossima